Università degli Studi dell'Insubria

MAPPA DEL SITO >
HELP >
 

Nomina per chiamata diretta o per chiara fama

Una modalità di reclutamento è costituita dalla
chiamata diretta di professori ordinari e associati e di ricercatori, stranieri o italiani.

Gli studiosi devono soddisfare almeno uno dei seguenti requisiti:
- essere stabilmente impegnati all'estero da almeno un triennio in attività di ricerca o di insegnamento a livello universitario ricoprendo una posizione accademica equipollente in istituzioni universitarie estere;
- avere già svolto per chiamata diretta, autorizzata dal Ministero, un periodo di almeno tre anni di ricerca e di docenza nelle università italiane nell'ambito del programma "rientro cervelli" conseguendo risultati scientifici congrui rispetto al posto per il quale viene proposta la chiamata.

L'Università deve attestare la sussistenza di adeguate risorse nel proprio bilancio.

Ai sensi dell'art. 6 del DM 23/09/2009 n. 45, sono stati previsti interventi di cofinanziamento ministeriale fino al massimo del 50% dei costi iniziali delle qualifiche corrispondenti. Tale costo, sulla base dell'eventuale anzianità di servizio e di valutazione del merito, non potrà essere superiore al trattamento economico relativo alla quinta classe stipendiale. Nel caso di chiamate dirette di soggetti che hanno beneficiato di interventi del Programma Rientro Cervelli il cofinanziamento è elevato fino al massimo del 95% del costo iniziale delle qualifiche corrispondenti.

La delibera con la quale si propone la chiamata diretta deve essere adottata dalla Facoltà e dal Dipartimento interessato con la maggioranza degli aventi diritto al voto, sulla base di una motivata relazione che illustri la personalità scientifica e la posizione accademica dello studioso. (Linee guida per stesura delibera)

La proposta viene trasmessa dall'Università al Ministero che, previo parere del Consiglio Universitario Nazionale, concede o rifiuta il nulla osta alla nomina.
Per usufruire del cofinanziamento di cui al DM n. 45/2009, le proposte di chiamata diretta delle Università devono pervenire al Ministero entro il 30/11/2009.

La nomina dello studioso è disposta con decreto rettorale nella fascia di ricercatore non confermato o di professore associato non confermato o di professore straordinario.

Gli studiosi italiani o stranieri chiamati per chiara fama , con carattere di assoluta eccezionalità, vengono a coprire esclusivamente posti di ordinario. Si tratta, pertanto, di studiosi eminenti con riferimento in modo irrinunciabile alla rilevanza dei contributi scientifici apportati, ai risultati ottenuti ed al loro riconoscimento in ambito internazionale. Requisiti da soddisfare sono:

  • ricoprire da almeno un triennio analoga posizione in Università straniere o internazionali;
  • essere stati insigniti di alti riconoscimenti scientifici in ambito internazionale;
  • avere ricoperto per almeno un triennio incarichi direttivi in qualificati istituti di ricerca internazionali.

La proposta viene trasmessa dall'Università al Ministero che, previo parere di una Commissione nominata dal Consiglio Universitario Nazionale, concede o rifiuta il nulla osta alla nomina.

La Commissione è formata da tre professori ordinari appartenenti al settore scientifico-disciplinare in riferimento al quale è proposta la chiamata. La chiamata diretta di studiosi di chiara fama è esclusa dagli interventi di cofinanziamento.

La nomina dello studioso è disposta con decreto rettorale nella classe di stipendio stabilita sulla base della eventuale anzianità di servizio e di valutazioni di merito.

Le proposte relative alle chiamate di cui sopra sono esaminate dal CUN con cadenza semestrale. Termini di presentazione al Ministero: 31 maggio e 31 dicembre di ogni anno.


Normativa di riferimento

  • Legge 15 maggio 1997, n. 127 - art. 17 comma 112
  • D.M. 25/07/1997 come modificato dal D.M. 2/08/1999 - articolo unico
  • Legge 4 novembre 2005, n. 230 - art. 1 comma 9 come modificato dall'art. 1 bis della L. n. 1/2009

 
[aggiornato il 26-11-2010]
 
 
Università degli Studi dell'Insubria - Via Ravasi 2, 21100 VARESE - P.I. 02481820120 - C.F. 95039180120
PEC: ateneo@pec.uninsubria.it | NOTE LEGALI | PRIVACY