Università degli Studi dell'Insubria

MAPPA DEL SITO >
HELP >
 

Francia

Testimonianze 

Guida alla Francia

- Lione
- Parigi
- Tolosa

LIONE

Gabriele
Facoltà di Giurisprudenza
Erasmus A.A. 2004/2005 (2° semestre)

Viaggio

Da Milano, comodissimo il treno tgv che va a Parigi e viceversa. 2 alternative: scendere a Chambery, cambiare (comunque molto comodo) e arrivi a Lione città; oppure stare su sino Lione St. Exupery aereoporto e poi navetta bus sino in centro.

La seconda soluzione è comoda perché una volta che si ha un c/c francese si possono prenotare on line http://www.sncf.com i biglietti Milano Parigi a/r (chiaramente del treno che si ferma a Lione St. Exupery) a 50 euro a/r (prenotando anticipatamente, modello aerei low cost) con consegna a casa in Francia garantita in 2 giorni.
In teoria si può fare lo stesso dall’Italia ma purtroppo spesso i biglietti non arrivano... meglio quindi farlo dalla Francia.

La città

L’alloggio è un casino, poi se arrivi il secondo semestre è delirio.Tutto si risolve però. Perché? Perché i francesi vogliono 2000 documenti (assicurazioni, garanzie, cauzioni,ecc.....). Io sono finito in un residence con monolocali ammobiliati di studenti nel quartiere magrebino (diciamo un po’ speziato il tutto ma divertente, avevo un suk sotto casa costante) ma comodo rispetto al centro (4 minuti a piedi), metro sotto casa, università 4 minuti a piedi, subentrando a un contratto di una canadese e quindi negoziando un sacco di condizioni a mio favore, altrimenti credo avrei scelto qualcosa di diverso.
Io stavo comunque in Rue Moncey, 4 a Les Etudines.

Le residenze sono meno care ma anche assai piccole le camere, cucine in comune invivibili perché in comune con la gente di un piano intero e soprattutto molto lontane dal centro, quindi la sera significa scarpinare o pagare il taxi se sei a pezzi. Consiglio: primi giorni in residenza, poi iscriversi nei siti internet locali (chiedere in università) e subentrare in un appartamento in colocation (costa meno, è in centro e vivi con studenti dividendo una cucina con tre persone in media). Bisogna avere pazienza.

Iscrivetevi poi al CAF che vi dà un contributo mensile, a me dava 150 euro.

Trasporti: fate la tessera dei mezzi 30 euro per gli studenti o comprate una bici (il mercatino è a Laurent Bonnevay).

Escursioni: pacchetti delle agenzie per sciare, 30 euro e ti portano alle 2 alpes ed in altri posti con partenza da Lione (nomi agenzie Skymania e non ricordo + l’altro), fuori città vale la pena Mirabel dove c’è un lago e Peruge (borgo medievale). Validissimo per giocare a pallone e sollazzarsi il Parc de la Tete d’Or.

La cultura

Il clima è freddo freddo d’inverno, canicola estiva.
Si mangia meglio in Italia, ma vino incredibile!
La gente: le francesi sono freddine all’inizio, poi si lasciano andare e sono molto molto carine.

Cultura e divertimento a volontà anche se bisogna uscire presto perché tutto chiude presto....purtroppo sono francesi. Un po’ di nomi: Sirius: valido barcone dove c’è musica live tutte le sere. Dv1 discoteca: la più intrigante della città. Opera de lyon: se vi piace il teatro costa 8 euro per gli studenti e gli spettacoli sono di prim’ordine. Il resto lo lascio a voi... 2 giorni e capite come gira il tutto.

L’Università

Università legge Lyon 2: gentilissimi.
Conoscerete Pascal che è super gentile anche se un po’ lungo a fare le robe, quindi self made spirit non deve mancare.
Emanuelle delle Relazioni Internazionali è bravissima.
Qualche prof. con cui fare esami che non rompe le scatole: Blacher è un mago e adora gli stranieri però fatevi conoscere, buono anche M. Saoudi; comunque fatevi consigliare da Pascal che è un grande! Secondo me il paniere di esami del 1° semestre è più valido del secondo in quanto a possibilità di convalida.

Potete scegliere comunque gli esami sia della Licence (i loro primi tre anni) che del Master (gli ultimi loro 2).

Occhio che oltre al CM (corso magistrale) gli esami grandi hanno il TD ( travaux dirigées ). Ai TD bisogna andare (se ne salti 2 non passi l’esame) e consegnare sempre dei lavori, non sottovalutateli, spesso dentro i TD fanno anche dei parziali, utili. Esperienza da fare, gente incontrata di tutti i tipi, ottimo per le lingue, ti tira fuori dal guscio, ti apre la mente. Per 2 sbattimenti iniziali non vale la pena farsi prendere dalla paura, il divertimento che viene dopo compensa tutto. Buon Erasmus a Lione!

Torna su

PARIGI

Alessandro, Scienze Biologiche

Facoltà di Scienze MM.FF.NN. di Varese
Erasmus A.A. 2002/2003

Io sono stato sei mesi a Palaiseu, nelle vicinanze di Parigi.

Arrivo

Difficoltà mie particolari non ne ho avute: l'alloggio me l'hanno procurato loro tramite l'ufficio relazioni internazionale dell'école; la lingua si apprende in fretta e i corsi sono tenuti in francese. C'è da dire che i professori ti vengono molto incontro; c'era la mensa sia x il pranzo che per la cena.

La città

Per quanto riguarda Parigi credo ci sia ben poco da dire, è una città enorme con ogni tipo di attività e molto bella da visitare.

L’Università

Per quanto concerne l'università è molto bella sotto l'aspetto organizzativo, perchè si propone come un campus.
E' indicata per gente che ama lo sport, perchè ai tempi in cui ero andato io perlomeno, eravamo divisi oltre che per facoltà anche per sezione sportiva.

Per noi Erasmus la partecipazione non era obbligatoria, però dal mio punto di vista è un occasione da non perdere in quanto la gamma di sport proposti è ampia. soprattutto ben attrezzati. Difetti: il posto dove è situata l'università è in campagna, isolata. per cui senza macchina è scomodo muoversi. c'è il metrò che aiuta molto, però resta in ogni caso che ti ritrovi fuori dal mondo; l'ambiente all'interno dell'università è molto chiuso (composto per maggioranza da uomini), come al solito ho legato molto più facilmente con gli altri erasmus.

Consiglio vivamente di stabilire in partenza come convalidare gli esami tenuti all'estero, in italia!

Torna su

TOLOSA

Riccardo
Facoltà di Economia

Erasmus A.A. 2004/2005

Université de Sciences Sociales de Toulouse 1 -France- Toulouse

Viaggio

La mia esperienza Erasmus presso l’UT1 di Tolosa è iniziata il 23 gennaio 05 con partenza in treno dalla stazione di Milano Centrale.

Il viaggio, con « scalo » alla stazione di Parigi Gare Montparnasse, è stato effettuato in treno in quanto utilizzando l’aereo non è possibile portar bagagli per un peso superiore ai 23kg… ovvero niente di più che una valigia e qualche vestito!! In totale il viaggio è durato all’incirca 17 ore, ovvero da Milano Centrale (23 :30) a Paris Gare de Lyon (8 :30) più la tratta da Paris Gare Montparnasse (11 :10) a Toulouse Matabiau (16 :30)!! Nel complesso non ci si può lamentare in quanto il tratto fino a Parigi è stato fatto in una comoda cuccetta (pensavo fosse meno confortevole!), mentre fino a Tolosa viaggiando in TGV il confort è assicurato anche in seconda classe ! Il tutto per un costo di circa 90 Euro (avrei potuto risparmiarne ancora una ventina!). Il consiglio prima di viaggiare con i treni francesi è quello di acquistare la CARTE 12-25 del costo di 50Euro che consente SEMPRE di avere sconti del 50% su tutti i treni (es: Parigi - Tolosa al costo di 37 Euro invece di 74!!).

Arrivo

Arrivato a Tolosa sono rimasto subito colpito dal suo colore rosa (Toulouse è chiamata non a caso “ la ville rose ”) e dai giovani che letteralmente affollano la città (120.000 studenti su una popolazione di quasi un milione di abitanti considerando la periferia!!) E’ la seconda città studentesca dopo Parigi..e si vede!! Difficoltà particolari al mio arrivo non ne ho avute in quanto avevo gia degli amici che abitano a Tolosa e che mi hanno aiutato. Basta recarsi all’ufficio del turismo e chiedere una cartina della Ville Rose e iniziare a girare per le numerose stradine a traffico limitato (questa è una caratteristica stupenda : moltissime persone si spostano per la città in bici o in roller!!) per capire quanto è facile ambientarsi. La mia prima impressione è stata abbastanza strana in quanto in giro si vedevano solamente studenti.. (a Varese è tutt’altra storia !!) di ogni nazionalità (Tolosa vanta studenti da circa 150 nazioni differenti!!) e ogni cultura ; è una città molto variegata!

La città

In città e nei paesini subito alla periferia si possono trovare infiniti locali di ritrovo (bar, discoteche, pub, etc..) dove poter passare quasi ogni giorno una serata differente!! Rue Pargaminières è la via più animata con Place St. Pierre punto di ritrovo con i suoi numerosi Disco Pub…rigorosamente gratuiti!!!!! Per quanto riguarda l’alloggio, ho avuto fortuna ad avere un’amica che giusto giusto il mio arrivo mi ha sub-affittato l’appartamento, quindi l’unica cosa che posso dire è che non sembra cosi facile trovare un’alloggio da settembre in poi! Percio il consiglio è di organizzarsi un pò prima nel caso di appartamenti privati (circa 350 Euro/mese!), in caso contrario è l’università che si incarica di darci un alloggio all’interno della Citè Universitaire (chiamata Citè U, costo 122 Euro/mese ma con bagni in comune e senza angolo cottura che obbliga tutti i giorni a mangiar fuori!!).

Ricordare che in Francia esiste un organismo chiamato CAF che da diritto a tutti gli studenti (anche gli stranieri) a dei soldi in base all’affitto pagato mensilmente!!!

Per quanto riguarda i mezzi pubblici il mezzo che ho sempre utilizzato sono i piedi, anche se il sistema dei trasporti è molto efficiente, c’è persino una linea di metro con la seconda in costruzione, più infinite linee di bus (me sembra che il costo per l’abbonamento mensile non superi i 30 Euro!)

L’Università

Per quanto riguarda il sistema universitario in Francia il sistema scolastico è un pò diverso che il nostro in quanto ci sono solo due semestri e gli esami sono possibili solo alla fine del medesimo corso e, se non lo si è passato, c’è un’unica sessione (chimata di « rattrapage ») a settembre! Perciò se pensate di fare un esame alla fine del secondo semestre di un corso tenuto nel primo ciò non è possibile!! Il sistema di insegnamento per i corsi che ho tenuto io mi sembra un pò banale : durante tutta la lezione il professore legge gli appunti e gli studenti scrivono tutto ciò che viene detto..l’esame è basato principalmente sugli appunti e il libro su cui studiare non è obbligatorio!!

Reperire i professori è un’impresa ardua (questo è quanto mi hanno detto degli amici che li hanno cercati!) in quanto l’università è abbastanza grande e le informazioni su come trovarli non sono chiare!! Anche per questo quindi bisogna darsi da fare!!! In università sono previste molte attività sportive e ciò mi ha lasciato molto sorpreso: in base ai risultati ottenuti e all’impegno che ci si mette, il professore responsabile dell’attività sportiva da un voto (veramente!) che ha anche un peso sulla riuscita a meno del semestre scolastico!!

In Francia esiste una federazione che si occupa totalmente dello sport a livello universitario! Io ho fatto parte di una squadra di basket e l’esperienza è veramente bella!!!

Gli amici

Per quanto riguarda le conoscenze, quindi gli amici, ho conosciuto moltissime persone grazie agli amici che abitano a Tolosa oltre ovviamente ad aver conosciuto gli altri studenti come me in Erasmus o facenti parte di altri progetti!! Fare amicizia è la cosa più semplice che si riesca a fare, è difficile poi rientrare a casa la sera viste le cose che si hanno da raccontare!!

Questa à forse la caratteristica più bella della mia esperienza : la solidarietà che c’è tra gli studenti (amici e non!!) riguardo tutte le possibili situazioni e difficoltà della vita quotidiana!!

Guida alla Francia

 
[aggiornato il 07-07-2010]
 
 
Università degli Studi dell'Insubria - Via Ravasi 2, 21100 VARESE - P.I. 02481820120 - C.F. 95039180120
PEC: ateneo@pec.uninsubria.it | NOTE LEGALI